Nell’iPhone 6s la Apple ha introdotto una serie di novità hardware che lo rendono sicuramente una bella bestia di telefono, sia per il consumatore che per il developer curioso ed esploratore come siamo noi.

Una delle innovazioni più interessanti è il 3D Touch: come già avviene sull’Apple Watch (anche se lì si chiama “Force Touch”) lo schermo riesce a rilevare non solo il tap, lo swipe e gli altri classici “tocchi” ma anche l’intensità della pressione.

La cosa ancora più interessante è che Safari per iOS9 disponde di una serie di API che ci consentono di lavorare con il 3D Touch permettendoci così di introdurre questa modalità di interazione anche nelle nostre pagine web.

Questo video, realizzato da Marcel Freinbichler, un developer austriaco, dimostra che cosa si può fare:

Chi possiede un iPhone 6s lo può provare a questo indirizzo: http://freinbichler.me/apps/3dtouch/ mentre il codice che produce questo effetto è:

 

Come si può vedere il tutto è piuttosto semplice e la parte interessante è quella alla fine, ovvero:

obiwandove si aggiungono i listener agli eventi touchstart , touchmove  e touchend  che chiamano attraverso un paio di passaggi la funzione refreshForceValue che riceve il valore della forza della pressione per aumentare o diminiure il blur del div.

 

Insomma, una bella novità introdotta da iOS9 e l’iPhone 6s: saranno ancora in pochi ad apprezzare questa modalità di input ma visto che noi siamo dei veri Jedi… seguiamo la Forza!

 

The following two tabs change content below.
Silvio Porcellana
Silvio Porcellana è il fondatore di mob.is.it, il tool che centinaia di agenzie e professionisti di tutto il mondo utilizzano per creare con semplicità siti mobili e applicazioni native per i loro clienti. Tiene anche un podcast dove racconta ogni venerdì le sue avventure imprenditoriali, senza veli o segreti: Opus Digitalis