Abbiamo già parlato di Sencha Touch, a nostro modo di vedere il migliore framework di sviluppo applicazioni HTML5 per mobile. In questo articolo vogliamo approfondire un servizio offerto dai ragazzi di Sencha per aiutarci ad integrare in maniera più semplice e diretta le funzionalità "cloud": Sencha.io.

Sencha.io è un sistema innovativo ed efficace per inserire nelle nostre applicazioni HTML5 (sviluppate ovviamente con Sencha Touch) alcuni meccanismi tipici del cloud. Vediamoli nel dettaglio.

Sencha.io Data

I dati (messaggi ai nostri amici, carrello della spesa, lista delle news che ci interessano) sono il cuore di tutte le applicazioni web. Sencha.io rende estremamente semplice salvare questi dati "in the cloud" per potervi accedere da qualsiasi device che "esegue" la nostra applicazione

Sencha.io Messages

Capita spesso di dover comunicare messaggi alla nostra applicazione, sia one-to-one che one-to-many. Sencha.io Messages consente di gestire in maniera piuttosto semplice l'invio di comunicazioni JSON ai vari device collegati, fornendo sistemi di callback per la spedizione, la ricezione e l'ascolto

Sencha.io Login

Moltissime applicazioni richiedono un sistema di gestione degli accessi: attraverso Sencha.io Login si può delegare la gestione dei login ad un sistema centralizzato e robusto che sarà presto integrato anche con Twitter e Facebook. Il tutto "in the cloud" così da condividere database e altri dati fra i vari device

src.sencha.io

Sebbene non faccia strettamente parte del pacchetto "cloud" di Sencha, src.sencha.io ci sembra uno dei tool più utili ed effiaci per qualsiasi developer mobile. Si tratta di un servizio che riceve in input la URL di una immagine (ed eventualmente alcuni parametri) e ne restituisce una versione ottimizzata per il device che la sta visualizzando. Usarlo è molto molto semplice, basta un

<img src='http://src.sencha.io/http://www.dominio.it/images/mia-immagine.jpg' />

e la nostra immagine viene magicamente scalata e ottimizzata per il telefono che la sta visualizzando in quel momento, sia esso un iPhone, un iPad o un Nokia 5000. Chiaramente il sistema è molto flessibile (consente ad esempio specificare una larghezza massimo e permette addirittura di trasformare al volo il formato di una immagine, ad esempio da PNG a JPG) e rimandiamo alla documentazione ufficiale per tutti i dettagli.

 

In conclusione Sencha si conferma sempre di più il partner tecnologico ideale per i developer che credono nelle potenzialità del mobile web e vogliono sfruttare gli strumenti che vengono messi a disposizione dei developer. E voi, cosa ne pensate?